Passa ai contenuti principali

La formazione sindacale in Archivio

Di formazione sindacale si parla nelle riunioni di Segreteria dell’11 febbraio 1967, 16 dicembre 1971, 27 ottobre, 12 e 19 dicembre 1972, 6 marzo, 4 giugno, 26 settembre e 29 novembre 1973, 7 novembre 1974, 5 marzo e 4 giugno 1975, i cui verbali sono consultabili on line in file digitalizzato allegato alla scheda documento.
A partire dal 1957 la Sottoclasse 02 della Classe 0 della Serie Atti e corrispondenza della Segreteria generale è dedicata agli “Organi e uffici periferici, Camere del lavoro, federazioni, ecc., Quadri e scuole sindacali”.
Con il titolario del 1967 la medesima classe risulta intestata a “Quadri, scuole e formazione sindacale”.
Dal 1957 al 1966 risultano 17 fascicoli dedicati alla formazione sindacale. Il loro numero sale a 57 dal 1967 al 1986.
197 in totale sono le circolari confederali aventi ad oggetto la formazione sindacale.
La serie circolari offre nello specifico un interessante quadro dell’organizzazione confederale ed evidenzia momenti rilevanti della sua evoluzione. Si tratta di lettere circolari ciclostilate, raccolte e rilegate in volumi, inviate, a seconda dei casi, agli uffici confederali centrali, alle sedi periferiche e a sindacati e federazioni di categoria. La funzione è quella tipica di questa specifica tipologia documentaria e in particolare prevalgono gli aspetti organizzativi, amministrativi e propagandistici: intensa è l’attività legata all’organizzazione e gestione della raccolta fondi su iniziative particolari o durante la campagna di tesseramento annuale; sempre maggiore rilevanza assumono, nel corso degli anni, le iniziative volte alla definizione e regolamentazione dei rapporti organizzativi e amministrativi con federazioni e sindacati di categoria aderenti alla Confederazione; infine largo spazio è dedicato alla promozione e organizzazione di manifestazioni, eventi e iniziative diverse nell’ambito sindacale. Emerge con evidenza la lenta ma progressiva specializzazione delle competenze amministrative e politiche dei singoli organi e l’attività di controllo da parte della direzione politica sull’operato degli uffici confederali. La rilevanza della serie è apprezzabile sia dal punto di vista contenutistico che formale attraverso l’analisi di alcuni elementi registrati in fase di schedatura quali l’indicazione dell’ufficio emanante e di quello firmatario e dei destinatari.
La documentazione, organizzata in ordine cronologico, descritta in dettaglio e corredata da indici di ricerca che ne favoriscono la documentazione è interamente consultabile on line in file digitalizzato allegato alla scheda documento.
Dal 1948 al 1991 si tengono, a livello nazionale e/o territoriale, importanti convegni e riunioni sulla formazione sindacale di cui l’Archivio CGIL conserva atti e materiali. Segnaliamo tra gli altri: ‘Convegno sulla formazione sindacale’, Ariccia 8-9 marzo 1968; ‘Convegno nazionale sulla politica di promozione dei quadri e formazione sindacale’, Ariccia 2-3 aprile 1970; ‘Convegno su Processo unitario e formazione sindacale’, Ariccia 11-12 marzo 1975; ‘Convegno sulla politica dei quadri e formazione sindacale’, Ariccia 9-10 novembre 1978 (atti anche a stampa); ‘Convegno nazionale sulla formazione’, Ariccia 3-5 ottobre 1984; ‘Corso di formazione sindacale per dirigenti stranieri’, Ariccia, 23-24 aprile 1991.
Infine l’Archivio storico CGIL nazionale conserva, in corso di riordinamento, l’Archivio del Centro studi e formazione sindacale di Ariccia.
Circa 1500 fascicoli conservati in 500 buste attestanti le attività del Centro di formazione sindacale dalla nascita allo scioglimento.
La documentazione è costituita nella maggioranza dei casi da materiale relativo ai corsi di formazione raccolto, appunto, nella serie ‘Corsi’ i cui fascicoli sono costituiti generalmente da: schede individuali di partecipazione, elenco dei partecipanti e programma del corso. A questi documenti spesso è associato il materiale didattico: pubblicazioni periodiche, stralci di monografie o di articoli, interventi di segretari e dirigenti sindacali, relazioni, appunti, schemi.
In Biblioteca sono a disposizione degli utenti volumi, monografie e periodici sulla formazione sindacale dagli anni Cinquanta ad oggi. A seguire alcuni dati generali.
Nel 1954 esce la prima dispensa della «Collana di brevi corsi», curata dall’Ufficio organizzazione confederale.
A partire dagli anni Sessanta il materiale didattico viene raggruppato in due collane: «Brevi corsi sindacali» (9 titoli tra il 1966 e il 1969) e «Formazione sindacale» (3 titoli tra il 1967 e il 1968).
Nello specifico:
«Brevi corsi sindacali»La programmazione economica (a cura di C. Pontacolone e B. Roscani, 1967); La contrattazione collettiva (giugno 1967); GGIL e Politica agraria (a cura di S. Moretti e B. Roscani, ottobre 1967); I piani di zona in agricoltura (a cura di S. Moretti e B. Roscani, marzo 1968); Sindacato, contrattazione e società (febbraio 1969); Lavoratori e ordinamento giuridico (a cura di M. Vais); Diritti sindacali e potere contrattualeGestione sindacale del collocamento e dell’accertamento previdenziale in agricolturaPer una gestione democratica del collocamento e della previdenza in agricoltura (a cura della Federbraccianti).
«Formazione sindacale»Organizzazione del lavoro nelle imprese (a cura di C. Pontacolone); Tempi e cottimi (a cura di C. Pontacolone e A. Di Gioia); L’ambiente di lavoro (a cura di G. Marri e I. Oddone).
A partire dall’estate 1971 (fino al 1974) si decide la realizzazione di una nuova pubblicazione periodica dalla titolazione evocativa «Formazione sindacale permanente».
Nel 1973 la CGIL inaugura una nuova serie di pubblicazioni dal titolo «Formazione sindacale materiali», che sostituisce la Collana di «Formazione sindacale» e la «Collana di brevi corsi».
Negli anni Ottanta vede la luce il «Bollettino CGIL» della Sezione Formazione. Dopo essere uscito poche settimane prima del Congresso del 1986, il Bollettino, che informava dell’andamento dei corsi nazionali e locali, riappare quasi tre anni dopo, nel dicembre 1988.
Sempre nel 1988 viene dato alle stampe il volume Formazione alla formazione, progetto diretto da S. Meghnagi, Centro studi e formazione Sindacale CGIL – Istituto di ricerche economiche e sociali, Ediesse, Roma 1988. Il cofanetto conteneva i seguenti sette volumi: P. Cerretti, B. Roscani, La formazione sindacale come risorsa dell’organizzazione; S. Meghnagi, Educazione degli adulti, qualificazione professionale, formazione sindacale; B. Maggi, Formazione e organizzazione; A.M. Ajello, Trasmissione ed elaborazione delle conoscenze; R. Ghiaroni, La programmazione curricolare; M. Depolo, Strategie e metodi nella gestione didattica; M. Lichtner, La valutazione delle azioni formative.
Ilaria Romeo

Commenti

Post popolari in questo blog

Perché l’umanità ha sempre avuto paura delle donne che volano, siano esse streghe o siano esse libere

Ve le ricordate “le due Simone”? Simona Pari e Simona Torretta, rapite nel 2004 a Baghdad nella sede della Ong per cui lavoravano e rientrate a Fiumicino dopo cinque mesi e mezzo di prigionia. “Oche gulive” le definì un giornale (volutamente con l’articolo indeterminativo e la g minuscola!) commentando il desiderio delle due ragazze di ritornare alla loro vita normale precedente il rapimento. E Greta Ramelli e Vanessa Marzullo, le due ragazze italiane rapite in Siria più o meno dieci anni dopo, ve le ricordate? Ve le ricordate ancora Carola Rackete, Greta Thunberg, Laura Boldrini, da ultima Giovanna Botteri? Cosa hanno in comune queste donne? Probabilmente tante cose, probabilmente nulla, ma una è talmente evidente da non poter non essere notata: sono state tutte, senza pietà e senza rispetto, lapidate sul web. Perché verrebbe da chiedersi? E la risposta che sono riuscita a darmi è solamente una: perché sono donne indipendenti, nel senso più vero ed intimo della parola. An

Antifascisti ieri, oggi, sempre - di Ilaria Romeo

“Siccome siamo una Repubblica democratica fondata sul lavoro e antifascista per Costituzione, lo chiederemo sempre finché non verremo ascoltati: le organizzazioni che si richiamano al fascismo, come Forza Nuova, vanno sciolte”.  E’ questo l’appello lanciato ieri dal segretario generale Maurizio Landini durante le conclusioni di Futura 2020.  L’apologia del fascismo - ha giustamente ricordato Maurizio Landini - nell’ordinamento giuridico italiano è un reato previsto dall’art. 4 della legge Scelba attuativa della XII disposizione transitoria e finale della Costituzione (recita l’articolo 4 della legge 20 giugno 1952, n. 645, Norme di attuazione della XII disposizione transitoria e finale (comma primo) della Costituzione: “Chiunque (…) pubblicamente esalta  esponenti,  principii,  fatti o metodi del fascismo oppure le finalità antidemocratiche proprie del partito fascista - recita l’articolo - è punito con la reclusione fino a due anni e con la multa fino a lire 500.000. La pena è aument

Andavano col treno giù nel Meridione per fare una grande manifestazione il ventidue d’ottobre del Settantadue - di Ilaria Romeo

Tra la fine degli anni Sessanta e l’inizio degli anni Settanta il Sud dell’Italia è attraversato  da diversi movimenti di rivendicazione sociale. Le organizzazioni di estrema destra rispondono a questa ondata di protesta da un lato con una serie di attentati dinamitardi (il 22 luglio 1970 a Gioia Tauro una bomba fa deragliare il treno Freccia del Sud provocando 6 morti e 54 feriti; il 4 febbraio 1971 viene lanciata una bomba contro un corteo antifascista a Catanzaro), dall’altro tentando di accreditarsi al grido di ‘Boia chi molla’ come rappresentanti degli interessi della popolazione in lotta. Per rispondere a questi attacchi, i sindacati metalmeccanici di Cgil, Cisl e Uil (insieme ai sindacati degli edili ed alla Federbraccianti Cgil) decidono di organizzare una grande manifestazione di solidarietà a fianco dei lavoratori calabresi. La manifestazione indetta per il 22 ottobre 1972, fortemente voluta da Bruno Trentin,  Pierre Carniti e Giorgio Benvenuto (insieme a loro sono in città L