mercoledì 26 aprile 2017

La strage di Portella nei verbali della CGIL


di Ilaria Romeo
responsabile Archivio storico CGIL nazionale



Il 2 maggio 1947, immediatamente dopo la strage di Portella della Ginestra, viene convocato d’urgenza il Comitato direttivo della CGIL.

Assente Giuseppe Di Vittorio, intervengono alla discussione Lizzadri, Massini, Pilia, Parodi, Giannitelli, Buschi, Baldelli, Cappugi e Casanti; per la Confederterra Zini e Vidimari; Valdarchi per i poligrafici.

L’ordine del giorno licenziato dal Comitato direttivo confederale, votato a maggioranza - ma non all’unanimità - senza l’adesione dei democristiani, delibera l’astensione del lavoro in tutta Italia per il giorno successivo, sabato 3 maggio, dalle ore 11 in poi.

Il rifiuto dei sindacalisti democristiani di aderire alla protesta contro un crimine che aveva colpito profondamente e dolorosamente tutta l’opinione pubblica è senza dubbio sintomatico e legato all’esigenza di adeguarsi alla richiesta di modifica dell’art. 9 dello Statuto confederale, già sollevata e della quale sentiremo ancora molto parlare.

La questione è al centro delle polemiche che accompagnano la preparazione e lo svolgimento del Congresso della CGIL, tenuto nel giugno di quell’anno a Firenze.

L’articolo 9, approvato all’unanimità al Congresso di Napoli, recitava: «L’indipendenza dei sindacati dai partiti politici e dallo Stato non significa agnosticismo dei sindacati di fronte a tutti i problemi di carattere politico. La CGIL prenderà posizione su tutti i problemi politici che interessano non già questo o quel partito, bensì la generalità dei lavoratori, come quello della conquista e dello sviluppo della democrazia e delle libertà popolari, quelli relativi alla legislazione sociale, alla ricostruzione ed allo sviluppo economico del paese, difendendo le soluzioni favorevoli agli interessi dei lavoratori».

Di Vittorio difende al Congresso l’art. 9 con grande passione: “La difesa della libertà in un paese che da pochissimo tempo e con tanto sangue è riuscito a conquistarsela dopo venti anni di tirannide - afferma il segretario - in un paese in cui ci sono già tante forze che la insidiano, la difesa della libertà non può essere compito solo dello Stato e dei partiti. D’altra parte, siccome la libertà è il bene supremo di tutti i popoli e di tutti i lavoratori, dare ai partiti il monopolio della difesa della libertà è come voler costringere i lavoratori ad iscriversi per forza ad un partito politico. Noi abbiamo più della metà degli aderenti alla Confederazione del Lavoro che non è iscritta a nessun partito, quindi quei milioni di lavoratori non dovrebbero avere la possibilità di difendere la libertà perché non stanno nei partiti e, probabilmente, non si sentono di entrarvi né noi possiamo obbligarli a farlo. Ma questi lavoratori, pur non essendo in un partito, vogliono difendere, attraverso la loro organizzazione, la libertà perché la libertà è un bene supremo”.

Non persuasi, i democristiani che intervengono al dibattito (tra questi Pastore, Cappugi, Sabatini), insistono per l’abolizione dell’art. 9 che, a loro avviso, rappresenta un ostacolo alla realizzazione di una vera unità sindacale, dando la possibilità alle correnti di maggioranza, comunista e socialista, di prendere in determinate occasioni, posizioni politiche di parte.

Per superare le resistenze, Di Vittorio propone loro di accettare un emendamento proposto da Fernando Santi, in virtù del quale “gli eventuali interventi delle organizzazioni sindacali sui problemi sopra indicati (la difesa della Repubblica e dello sviluppo della democrazia e delle libertà popolari, quelli relativi alla legislazione sociale, alla ricostruzione ed allo sviluppo economico del paese), essendo di carattere eccezionale, potranno effettuarsi soltanto se deliberati dall’organo dirigente dell’organizzazione interessata, regolarmente convocato, a maggioranza di tre quarti dei componenti presenti”.

La formula, benché ampia, non raccoglie i voti dei democristiani che si astengono, lasciando aperta una ferita che ricomincerà a sanguinare l’anno successivo, uccidendo - di fatto - l’unità.

Nessun commento:

Posta un commento

30 maggio 1924, Giacomo Matteotti alla Camera dei deputati

Matteotti : Noi abbiamo avuto da parte della Giunta delle elezioni la proposta di convalida di numerosi colleghi. Nessuno certamente, deg...