lunedì 30 ottobre 2017

Articoli da «Rassegna Sindacale» nel trigesimo della morte di Di Vittorio_ Luigi Russo

La morte di Di Vittorio mi ha colpito profondamente. Io non da ieri facevo conto e stima del grande sindacalista. L’ho conosciuto da vicino a Ferrara, dove io ero andato agli spettacoli tasseschi che si davano nel Palazzo dei Diamanti, e capitai a sedermi accanto a lui. Mi piacque subito: trovai in lui un uomo semplice, dalle idee chiare, sofferte e sviluppate nella lotta, per il pane quotidiano prima (pane quotidiano non è una metafora) e poi nelle varie lotte di politico e di sindacalista. Lo sentii poi parlare, sempre a Ferrara, a migliaia di lavoratori, senza alcuna particolare enfasi, alieno dalle forme demagogiche, da lavoratore che difende gli interessi dei lavoratori. Pensai ad Alberto da Giussano, che nella grande possa della sua persona e della voce come tuon di maggio, arringava, o meglio conversava con le folle che lo ascoltavano avidamente. Ma cacciai come molesta questa reminiscenza carducciana, e mi ricordai piuttosto Di Vittorio, lettore dei «Promessi sposi». Sapevo che il libro manzoniano gli era stato regalato una volta dal cappellano della prigione di Lucera. Era quel libro che per lui ci voleva e che vi sentiva uno scrittore che denunciava soprusi di signorotti, fame e patimenti di popolo. Tutte le volte che nella sua lunga e travagliata vita Di Vittorio si è trovato in carcere, Di Vittorio ha letto e riletto i «Promessi sposi» ; una prova come un grande scrittore cristiano, quale il Manzoni, possa nutrire la linfa di un rivoluzionario. Della sua vita mi ha colpito il ricordo di quell’articolo da lui stampato in un giornale di Ferrara, in occasione delle chiamate alle armi della classe 1892, sua e mia. Era un appello ai soldati a rifiutarsi di sparare sui lavoratori: il Di Vittorio non ha aspettato il 1919 o il 1921 per schierarsi tutto dalla parte della classe lavoratrice! Per codesta sua eresia ebbe uno scontro tempestoso con il colonnello, ma chiese di partire per il fronte, dove sull’altipiano dei Sette Comuni, alle pendici del monte Zelio (caro e triste nella memoria per tutti i combattenti che, volenti o nolenti ci siamo trovati a combattere in quella zona), il Di Vittorio combatte valorosamente e fu colpito da un proiettile per fortuna senza gravi conseguenze. Ma nonostante questa sua dedizione, sospettato per un uomo di implacabile fede democratica, fu trasferito alla Maddalena, dove c’era una compagnia di soldati puniti che coltivavano le terre senza alcuna remunerazione. Poi sentimmo parlare di Giuseppe Di Vittorio combattente antifascista. Vi sono particolari della sua esistenza, che ci chiamano ancora oggi un sorriso di compiacimento ed una lacrima negli occhi. Ci sia permesso intanto di esprimere la nostra ammirazione per questa tempra di lottatore, che non perdeva mai la calma e l’equilibrio e dava delle risposte non furbescamente evasive, ma tali che i suoi inquisitori o avversari dovevano arrendersi alla sua logica.


Da «l’Unità» del 4 novembre

Nessun commento:

Posta un commento

LA MARCIA DELLA PROTESTA E DELLA SPERANZA, servizio di Giuseppe Impastato

Il 5 di marzo, domenica, un grande convegno popolare, presieduto da Danilo Dolci, Lorenzo Barbera, Corrado Corghi (consigliere nazionale...