Passa ai contenuti principali

28 gennaio - 1° febbraio 1945, nell’Italia divisa in due il Congresso della Cgil delle zone liberate

di Ilaria Romeo
responsabile Archivio storico CGIL nazionale


Il 1° febbraio 1945, si conclude a Napoli il Congresso della Cgil delle zone liberate.

Vengono eletti i primi Segretari generali della Confederazione generale italiana del lavoro: Di Vittorio per i comunisti, Grandi per i democristiani, Lizzadri per i socialisti.

Dopo il Patto di Roma che ha ridato vita alla Cgil unitaria, nell’Italia tagliata in due secondo la definizione crociana, il primo appuntamento ufficiale è a Napoli, dal 28 gennaio al 1° febbraio 1945[1].

I tre segretari che sono anche i leader delle tre maggiori correnti che compongono la Cgil - comunista, democristiana e socialista - fissano gli obiettivi che andranno perseguiti a guerra finita: riforme strutturali dell’economia, partecipazione dei lavoratori al controllo e alla gestione delle grandi imprese, riforma agraria, una incisiva legislazione sociale.

Recita la risoluzione finale del Congresso:

“Il primo Congresso della Cgil approva il bilancio di attività presentato dalla Segreteria Generale e constata con soddisfazione che il principio dell’unità sindacale sancito nel Patto di Roma ha avuto la sua piena applicazione nella costituzione della Cgil, che raccoglie nel suo seno tutta la famiglia del lavoro dell’Italia liberata. Il Congresso è sicuro di esprimere il sentimento profondo di tutti i lavoratori italiani, manuali ed intellettuali, rendendo il più commosso omaggio alla memoria di Bruno Buozzi, che dell’unità sindacale è stato uno dei primi artefici ed il Martire.

Il Congresso dichiara che l’unità sindacale, superate trionfalmente le prime prove, è considerata da tutti i lavoratori italiani come la più importante conquista da essi realizzata. Il proletariato italiano difenderà col più grande vigore questa sua conquista contro tutti coloro che tentassero, con arti subdole e con attacchi diretti, di infrangerla o d’incrinarla.

[…]

Il Congresso confederale saluta i fratelli lavoratori del Nord; plaude alla lotta coraggiosa che essi conducono contro l’oppressore tedesco ed i traditori fascisti, facendo leva su tutte le rivendicazioni sindacali immediate dei lavoratori per intensificare la lotta per la liberazione del Paese. Esso plaude all’unità sindacale realizzata clandestinamente anche nell’Italia occupata, sulla base del Patto unitario di Roma, e rileva con soddisfazione che questa unità permette di dare un maggiore impulso alla lotta contro il peggiore nemico dei lavoratori, dell’Italia e dell’umanità.

Il Congresso esprime l’ammirazione illimitata dei lavoratori italiani ai soldati del Corpo Italiano di Liberazione, ai marinai ed agli aviatori italiani, ai giovani generosi che si arruolano volontari nel nuovo esercito nazionale in formazione, agli eroici partigiani d’Italia che, tutti, con la loro lotta, col loro ardimento, coi loro sacrifici, riscattano l’onore del popolo italiano dalle colpe infami che ha fatto ricadere sul nostro Paese la serie di aggressioni imperialiste compiute dal fascismo contro popoli fratelli, e rivendicano il diritto dell’Italia alla libertà, all’indipendenza, alla rinascita […].





[1] Prima e dopo l’appuntamento napoletano vanno segnalati altri due incontri: il convegno che si tiene a Roma, il 15-16 settembre 1944, in cui si discute della vita interna della Cgil e del rapporto con i partiti – quindi, si direbbe oggi, dell’autonomia del sindacato –; il congresso delle Camere del lavoro dell’Italia settentrionale (Milano, 24-25 luglio 1945) che integra i vertici della Cgil con i rappresentanti del Nord.

Commenti

Post popolari in questo blog

PERSONE IN GABBIA. LA TRISTE STORIA DEGLI ZOO UMANI - di Ilaria Romeo

Gli zoo umani, detti anche esposizioni etnografiche, non sono una leggenda. Sono esistiti veramente per più di 50 anni, sostanzialmente fino al secondo conflitto mondiale.
Uno dei primi zoo conosciuti nell’emisfero occidentale è quello di Montezuma in Messico, che oltre ad una vasta collezione di animali mostrava anche umani come nani, albini e gobbi. Nel XVI secolo, il cardinale Ippolito dé Medici possedeva una collezione di persone di diverse razze e animali esotici, disponendo di un gruppo di ‘barbari’, di oltre venti lingue diverse. 
Gli zoo umani divengono tuttavia famosi solo verso il 1870, nel pieno del nuovo imperialismo.
Negli anni Settanta del diciannovesimo secolo, in Germania, Karl Hagenbeck, un mercante di animali selvatici, ha l’idea di esporre nel proprio giardino zoologico (lo zoo di Amburgo, la sua città, porta ancora il suo nome) persone provenienti dalle colonie più remote.
L’idea si rivela un successo, tanto che Hagenbeck decide di trasformare le mostre da stabili ad i…

Franca Rame, Lo stupro

C’è una radio che suona… ma solo dopo un po’ la sento. Solo dopo un po’ mi rendo conto che c’è qualcuno che canta. Sì, è una radio. Musica leggera: cielo stelle cuore amore… amore…
Ho un ginocchio, uno solo, piantato nella schiena… come se chi mi sta dietro tenesse l’altro appoggiato per terra… con le mani tiene le mie, forte, girandomele all’incontrario. La sinistra in particolare.
Non so perché, mi ritrovo a pensare che forse è mancino. Non sto capendo niente di quello che mi sta capitando.
Ho lo sgomento addosso di chi sta per perdere il cervello, la voce… la parola. Prendo coscienza delle cose, con incredibile lentezza… Dio che confusione! Come sono salita su questo camioncino? Ho alzato le gambe io, una dopo l’altra dietro la loro spinta o mi hanno caricata loro, sollevandomi di peso?
Non lo so.
È il cuore, che mi sbatte così forte contro le costole, ad impedirmi di ragionare… è il male alla mano sinistra, che sta diventando davvero insopportabile. Perché me la storcono tanto? Io non …

10 cose che non avremmo voluto sapere su Indro Montanelli - di Ilaria Romeo

1. “Faticai molto a superare il suo odore dovuto al sego di capra di cui erano intrisi i suoi capelli - dice a proposito della sua piccola ‘sposa’ Destà nel 2000 - e ancor di più a stabilire con lei un rapporto sessuale perché era fin dalla nascita infibulata: il che, oltre a opporre ai miei desideri una barriera pressoché insormontabile (ci volle, per demolirla, il brutale intervento della madre), la rendeva del tutto insensibile”.
2. “Non si sarà mai dei dominatori, se non avremo la coscienza esatta di una nostra fatale superiorità. Coi negri non si fraternizza. Non si può, non si deve. Almeno finché non si sia data loro una civiltà. […] Questa guerra è per noi come una bella lunga vacanza dataci dal Gran Babbo (Mussolini ndr) in premio di tredici anni di scuola. E, detto fra noi, era ora. Nessuno di noi si augura che la guerra finisca, abbiamo un solo desiderio: continuare!”, scrive sulla Civiltà Fascista, nel 1936 (la guerra di Montanelli durerà solo fino a dicembre: ferito sarà co…