Passa ai contenuti principali

28 gennaio - 1° febbraio 1945, nell’Italia divisa in due il Congresso della Cgil delle zone liberate

di Ilaria Romeo
responsabile Archivio storico CGIL nazionale


Il 1° febbraio 1945, si conclude a Napoli il Congresso della Cgil delle zone liberate.

Vengono eletti i primi Segretari generali della Confederazione generale italiana del lavoro: Di Vittorio per i comunisti, Grandi per i democristiani, Lizzadri per i socialisti.

Dopo il Patto di Roma che ha ridato vita alla Cgil unitaria, nell’Italia tagliata in due secondo la definizione crociana, il primo appuntamento ufficiale è a Napoli, dal 28 gennaio al 1° febbraio 1945[1].

I tre segretari che sono anche i leader delle tre maggiori correnti che compongono la Cgil - comunista, democristiana e socialista - fissano gli obiettivi che andranno perseguiti a guerra finita: riforme strutturali dell’economia, partecipazione dei lavoratori al controllo e alla gestione delle grandi imprese, riforma agraria, una incisiva legislazione sociale.

Recita la risoluzione finale del Congresso:

“Il primo Congresso della Cgil approva il bilancio di attività presentato dalla Segreteria Generale e constata con soddisfazione che il principio dell’unità sindacale sancito nel Patto di Roma ha avuto la sua piena applicazione nella costituzione della Cgil, che raccoglie nel suo seno tutta la famiglia del lavoro dell’Italia liberata. Il Congresso è sicuro di esprimere il sentimento profondo di tutti i lavoratori italiani, manuali ed intellettuali, rendendo il più commosso omaggio alla memoria di Bruno Buozzi, che dell’unità sindacale è stato uno dei primi artefici ed il Martire.

Il Congresso dichiara che l’unità sindacale, superate trionfalmente le prime prove, è considerata da tutti i lavoratori italiani come la più importante conquista da essi realizzata. Il proletariato italiano difenderà col più grande vigore questa sua conquista contro tutti coloro che tentassero, con arti subdole e con attacchi diretti, di infrangerla o d’incrinarla.

[…]

Il Congresso confederale saluta i fratelli lavoratori del Nord; plaude alla lotta coraggiosa che essi conducono contro l’oppressore tedesco ed i traditori fascisti, facendo leva su tutte le rivendicazioni sindacali immediate dei lavoratori per intensificare la lotta per la liberazione del Paese. Esso plaude all’unità sindacale realizzata clandestinamente anche nell’Italia occupata, sulla base del Patto unitario di Roma, e rileva con soddisfazione che questa unità permette di dare un maggiore impulso alla lotta contro il peggiore nemico dei lavoratori, dell’Italia e dell’umanità.

Il Congresso esprime l’ammirazione illimitata dei lavoratori italiani ai soldati del Corpo Italiano di Liberazione, ai marinai ed agli aviatori italiani, ai giovani generosi che si arruolano volontari nel nuovo esercito nazionale in formazione, agli eroici partigiani d’Italia che, tutti, con la loro lotta, col loro ardimento, coi loro sacrifici, riscattano l’onore del popolo italiano dalle colpe infami che ha fatto ricadere sul nostro Paese la serie di aggressioni imperialiste compiute dal fascismo contro popoli fratelli, e rivendicano il diritto dell’Italia alla libertà, all’indipendenza, alla rinascita […].





[1] Prima e dopo l’appuntamento napoletano vanno segnalati altri due incontri: il convegno che si tiene a Roma, il 15-16 settembre 1944, in cui si discute della vita interna della Cgil e del rapporto con i partiti – quindi, si direbbe oggi, dell’autonomia del sindacato –; il congresso delle Camere del lavoro dell’Italia settentrionale (Milano, 24-25 luglio 1945) che integra i vertici della Cgil con i rappresentanti del Nord.

Commenti

Post popolari in questo blog

Perché l’umanità ha sempre avuto paura delle donne che volano, siano esse streghe o siano esse libere

Ve le ricordate “le due Simone”? Simona Pari e Simona Torretta, rapite nel 2004 a Baghdad nella sede della Ong per cui lavoravano e rientrate a Fiumicino dopo cinque mesi e mezzo di prigionia. “Oche gulive” le definì un giornale (volutamente con l’articolo indeterminativo e la g minuscola!) commentando il desiderio delle due ragazze di ritornare alla loro vita normale precedente il rapimento. E Greta Ramelli e Vanessa Marzullo, le due ragazze italiane rapite in Siria più o meno dieci anni dopo, ve le ricordate? Ve le ricordate ancora Carola Rackete, Greta Thunberg, Laura Boldrini, da ultima Giovanna Botteri? Cosa hanno in comune queste donne? Probabilmente tante cose, probabilmente nulla, ma una è talmente evidente da non poter non essere notata: sono state tutte, senza pietà e senza rispetto, lapidate sul web. Perché verrebbe da chiedersi? E la risposta che sono riuscita a darmi è solamente una: perché sono donne indipendenti, nel senso più vero ed intimo della parola. An

Antifascisti ieri, oggi, sempre - di Ilaria Romeo

“Siccome siamo una Repubblica democratica fondata sul lavoro e antifascista per Costituzione, lo chiederemo sempre finché non verremo ascoltati: le organizzazioni che si richiamano al fascismo, come Forza Nuova, vanno sciolte”.  E’ questo l’appello lanciato ieri dal segretario generale Maurizio Landini durante le conclusioni di Futura 2020.  L’apologia del fascismo - ha giustamente ricordato Maurizio Landini - nell’ordinamento giuridico italiano è un reato previsto dall’art. 4 della legge Scelba attuativa della XII disposizione transitoria e finale della Costituzione (recita l’articolo 4 della legge 20 giugno 1952, n. 645, Norme di attuazione della XII disposizione transitoria e finale (comma primo) della Costituzione: “Chiunque (…) pubblicamente esalta  esponenti,  principii,  fatti o metodi del fascismo oppure le finalità antidemocratiche proprie del partito fascista - recita l’articolo - è punito con la reclusione fino a due anni e con la multa fino a lire 500.000. La pena è aument

Andavano col treno giù nel Meridione per fare una grande manifestazione il ventidue d’ottobre del Settantadue - di Ilaria Romeo

Tra la fine degli anni Sessanta e l’inizio degli anni Settanta il Sud dell’Italia è attraversato  da diversi movimenti di rivendicazione sociale. Le organizzazioni di estrema destra rispondono a questa ondata di protesta da un lato con una serie di attentati dinamitardi (il 22 luglio 1970 a Gioia Tauro una bomba fa deragliare il treno Freccia del Sud provocando 6 morti e 54 feriti; il 4 febbraio 1971 viene lanciata una bomba contro un corteo antifascista a Catanzaro), dall’altro tentando di accreditarsi al grido di ‘Boia chi molla’ come rappresentanti degli interessi della popolazione in lotta. Per rispondere a questi attacchi, i sindacati metalmeccanici di Cgil, Cisl e Uil (insieme ai sindacati degli edili ed alla Federbraccianti Cgil) decidono di organizzare una grande manifestazione di solidarietà a fianco dei lavoratori calabresi. La manifestazione indetta per il 22 ottobre 1972, fortemente voluta da Bruno Trentin,  Pierre Carniti e Giorgio Benvenuto (insieme a loro sono in città L