Passa ai contenuti principali

Fatti di Ungheria 1956. Documenti Archivio storico CGIL

E' il 27 ottobre del 1956: di fronte alla decisione dei sovietici di intervenire militarmente in Ungheria, la Segreteria della Cgil assume una posizione di radicale condanna dell’invasione destinata a stroncare nel sangue la domanda di democrazia e di partecipazione reclamata dalla rivolta operaia e popolare ungherese e sostenuta dal governo legittimo di Imre Nagy. La condanna non è soltanto dell’intervento militare: il giudizio è netto e investe tanto i metodi antidemocratici di governo di quelle società, quanto l’insufficienza grave dello stesso movimento sindacale di quei paesi:

"La Segreteria della CGIL, di fronte alla tragica situazione determinatasi in Ungheria, sicura di interpretare il sentimento comune dei lavoratori italiani, esprime il suo profondo cordoglio per i caduti nei conflitti che hanno insanguinato il paese.

La Segreteria confederale ravvisa in questi luttuosi avvenimenti la condanna storica e definitiva di metodi di governo e di direzione politica ed economica antidemocratici, che determinano il distacco fra dirigenti e masse popolari.

Il progresso sociale e la costruzione di una società nella quale il lavoro sia liberato dallo sfruttamento capitalistico, sono possibili soltanto con il consenso e con la partecipazione attiva della classe operaia e delle masse popolari, garaniza della più ampia affermazione dei diritti di libertà, di democrazia e di indipendenza nazionale.

L'evolversi positivo della situazione in Polonia hanno dimostrato che soltanto sulla via dello sviluppo democratico si realizza un legame effettivo, vivente e creatore fra le masse lavoratrici e lo Stato popolare.

La CGIL si augura che cessi al più presto in Ungheria lo spargimento di sangue e che la Nazione ungherese trovi, in una rinnovata concardia, la forza di supperare la dramatica crisi attuale, isolando cosi gli elementi reazionari che in questa crisi si sono inseriti col proposito gli restaurare un regime di sfruttamento e di oppressione. In pari tempo la CGIL, fedele al principio del non intervento di uo Stato negli affari interni di un altro Stato, deplora che sia stato chiesto e si sia verificato in Ungheria l'intervento di truppe straniere.

Di fronte ai tragici fatti di Ungheria e alla giustificata commozione che hanno suscitato nel popolo italiano, forze reazionarie tentano di inscenare speculazioni miranti a perpetuare la divisione tra i lavoratori; a creare disorientamento nelle loro file, a ingenerare sfiducia verso le loro organizzazioni per indebolirne la capacità di azione a difesa dei loro interessi economici e sociali.

La CGIL chiama i lavoratori italiani a respingere decisamente questa speculazione e a portare avanti il processo unitario in corso nel Paese, per il trionfo dei comuni ideali di progresso sociale, di libertà e di pace."


https://www.facebook.com/159710697374009/photos/a.288031931208551.84262.159710697374009/288032181208526/?type=1&theater 

Commenti

Post popolari in questo blog

PERSONE IN GABBIA. LA TRISTE STORIA DEGLI ZOO UMANI - di Ilaria Romeo

Gli zoo umani, detti anche esposizioni etnografiche, non sono una leggenda. Sono esistiti veramente per più di 50 anni, sostanzialmente fino al secondo conflitto mondiale.
Uno dei primi zoo conosciuti nell’emisfero occidentale è quello di Montezuma in Messico, che oltre ad una vasta collezione di animali mostrava anche umani come nani, albini e gobbi. Nel XVI secolo, il cardinale Ippolito dé Medici possedeva una collezione di persone di diverse razze e animali esotici, disponendo di un gruppo di ‘barbari’, di oltre venti lingue diverse. 
Gli zoo umani divengono tuttavia famosi solo verso il 1870, nel pieno del nuovo imperialismo.
Negli anni Settanta del diciannovesimo secolo, in Germania, Karl Hagenbeck, un mercante di animali selvatici, ha l’idea di esporre nel proprio giardino zoologico (lo zoo di Amburgo, la sua città, porta ancora il suo nome) persone provenienti dalle colonie più remote.
L’idea si rivela un successo, tanto che Hagenbeck decide di trasformare le mostre da stabili ad i…

Franca Rame, Lo stupro

C’è una radio che suona… ma solo dopo un po’ la sento. Solo dopo un po’ mi rendo conto che c’è qualcuno che canta. Sì, è una radio. Musica leggera: cielo stelle cuore amore… amore…
Ho un ginocchio, uno solo, piantato nella schiena… come se chi mi sta dietro tenesse l’altro appoggiato per terra… con le mani tiene le mie, forte, girandomele all’incontrario. La sinistra in particolare.
Non so perché, mi ritrovo a pensare che forse è mancino. Non sto capendo niente di quello che mi sta capitando.
Ho lo sgomento addosso di chi sta per perdere il cervello, la voce… la parola. Prendo coscienza delle cose, con incredibile lentezza… Dio che confusione! Come sono salita su questo camioncino? Ho alzato le gambe io, una dopo l’altra dietro la loro spinta o mi hanno caricata loro, sollevandomi di peso?
Non lo so.
È il cuore, che mi sbatte così forte contro le costole, ad impedirmi di ragionare… è il male alla mano sinistra, che sta diventando davvero insopportabile. Perché me la storcono tanto? Io non …

Giuseppe Di Vittorio

Dall’appello in difesa degli ebrei italiani contro la svolta razzista di Mussolini del 1938 all’ultimo discorso pronunciato a Lecco; dal ricordo del Primo maggio 1945 (il primo dell’Italia liberata) alle parole di Trentin pochi giorni dopo la sua morte; dai verbali delle riunioni in Cgil nelle calde giornate del 1948, quando si consumò la scissione sindacale, al processo nella riunione della direzione del Pci per la posizione assunta sui fatti d’Ungheria, i testi che segnaliamo a seguire offrono al lettore un’immagine di Di Vittorio a tutto tondo, presentando tutte le sfaccettature di una persona - e di una personalità - amata probabilmente come poche altre nella storia del nostro Paese, cui il sindacato e l’Italia devono molto.

Guarda on line la mostra GIUSEPPE DI VITTORIO, EROE DEL LAVORO
Di Vittorio a fianco degli ebrei italianiBruno Buozzi nei ricordi di Giuseppe Di VittorioL'”Alba” racconta il viaggio Cgil in Urss alla ricerca dei prigionieri italiani25 aprile, da Togliatti a P…