Passa ai contenuti principali

La Resistenza in convento



Renitente alla leva fascista repubblichina, ricercato dalla polizia nazista e condannato a morte, alla macchia nella zona Orte-Terni-Roma, Manfredo Marconi, segretario nazionale Cgil per la Corrente repubblicano mazziniana dal 1952 al 1965 si rifugia in convento (Aracoeli) dal 24 ottobre 1943 al 17 gennaio 1944.
Membro del CVL IV zona di Roma e del CLN Trastevere-Monteverde, tiene dal 5 gennaio 1943 al 24 dicembre 1944 un diario giornaliero degli avvenimenti di cui segue trascrizione parziale.


1944

[…]

7 febbraio
In alcuni quartieri periferici di Roma i tedeschi requisiscono le biciclette e perquisiscono le case. Arresti di ufficiali e patristi presso l’Abbazia di S. Paolo. Protesta del Vaticano

10 febbraio
I giornali scrivono che cittadini girano per Roma sotto vesti religiose (!)

12 febbraio
Gemma si sposa con Raul

15 febbraio
Tre ondate di spezzoni sul nostro palazzo. Niente vittime. Danni non rilevanti. La C.A. [Contro aerea] fa più danni degli aerei

17 febbraio
Si vive in cantina da tre giorni. Non si dorme: allarmi continui e bombe a mitraglia. Tutti febbricitanti

21 febbraio
Ancora in cantina. Qui mitragliano i treni, la stazione e bombardano la Siderurgica. Andiamo da zia

[…]

7 marzo
Bombardate Trastevere, Portuense, Monteverde, Testaccio, Ostiense. Tutte le case presso la Stazione colpite. Il nostro palazzo è in parte distrutto. Lesioni agli appartamenti non colpiti. Nessuna vittima. Né gas, né acqua. Casa è danneggiata. Al Nord il 1° marzo alle ore 10 per 4 giorni sciopero degli operai (comunicato Ministero Interni fascista). Attacco in via Tomacelli contro un corteo fascista. A Roma 10 persone fucilate. Il Comando tedesco vieta alla caccia di entrare in azione nel cielo di Roma contro gli aerei nemici in volo, anche se bombardano (!!!)

12 marzo
Discorso del papa ai romani. […] Durante la manifestazione in Piazza San Pietro - reca il Messaggero - un prete, don Pecoraro, ha lanciato grida sediziose sventolando una bandiera rossa. Arrestato dai gendarmi pontifici è stato poi rilasciato

 […]

25 marzo
La razione di pane a Roma è portata a 100 grammi. Continua l’eruzione del Vesuvio che ha investito molti villaggi. Rappresaglia a Roma dopo i fatti di Via Rasella

[…]

3 aprile
Grande innovazione davvero: è ripristinata l’ora legale! Intanto il Comando tedesco dispone il divieto di transito di automezzi civili attraverso i posti di blocco delle vie Aurelia, Cassia, Salaria, Tiburtina, Casilina, Tuscolana ed Appia. Potranno usufruire delle altre statali. Possono essere introdotti liberamente a Roma: Kg 20 di patate; 10 di legumi; 5 polli e conigli; 3 di pomodori e marmellate; 2 di formaggi; 2 di grassi maiale; 2 di salumi e 1 di olio; più 50 uova. Si combatte nel biellese tra fascisti e partigiani. 27 partigiani fucilati a Torino

[…]
14 aprile
La razione del pane aumentata di 50 grammi in tutta Italia, meno che a Roma! Una bomba nella Cappella Sistina. Gli accessi al Vaticano sorvegliatissimi. Iniziato il processo a Scorza. Richiamo delle classi 1919, 19, 20 e 21. Si ripristina il servizio telegrafico meno che a Roma. Ancora bombe su Orvieto.

17 aprile
Giovanni Gentile, presidente dell’Accademia d’Italia, colpito a morte da quattro patrioti a Firenze

[…]

20 aprile
[…] Roma III trasmette che incidenti si sono avuti al Quartiere Trionfale dove il popolo ha assaltato i forni

[…]

24 aprile
Stamane Alfredo ha sposato Giulia. Spezzoni incendiari alla villa pontificia a Castel Gandolfo. Incontro di Hitler e Mussolini al Quartier generale tedesco. Laval ammonisce i francesi a non cooperare con gli alleati (!) Domani scade il termine per il condono agli sbandati

29 aprile
Divieto ai militari di svolgere attività politiche. Ancora bombe su Orvieto. Sulla periferia romana la solita quotidiana sinfonia di spezzoni e mitraglia

1 maggio
Creazione a Bari di un corpo consultivo che terrà il posto delle camere. Richiamo alle armi delle classi dal 1914 al 1918. In diversi quartieri le donne assaltano i forni. Scioperi in tutte le città del nord. In parte anche a Roma

[…]

30 maggio
L’industriale Coppola condannato a morte per sottrazione di 35 quintali di zucchero. La sentenza sarà eseguita domani. A M. Marrone i tedeschi si scontrano con le prime truppe italiane del C. L. Il gen. Clark ha affermato: non passeranno molti giorni prima che noi saremo a Roma

31 maggio
Ostiense e Trastevere violentemente mitragliate stamane alle prime ore. Gli anglo americani entrano a Frosinone, Arpino, Ceccano e Ardea. Corre voce che i tedeschi evacuando Roma lasceranno 25.000 feriti intrasportabili e che gli anglo americani avrebbe condizionato il rispetto delle norme internazionali al rispetto tedesco dell’incolumità della cittadinanza romana. […]

1 giugno
Corre voce che a Roma si è costituito un partito detto delle “camicie verdi” con a capo Lo Gatto. Sarebbe una provocazione estrema ai fascisti

2 giugno
Il papa parla alla radio invocando la salvezza ed il rispetto di Roma. Gli alleati a Valmontone. I tedeschi apprestano difese al Quadraro ed alla Magliana. Sul Monte Testaccio ed al Gianicolo vengono piazzate batterie contraeree

[…]




Commenti

Post popolari in questo blog

Perché l’umanità ha sempre avuto paura delle donne che volano, siano esse streghe o siano esse libere

Ve le ricordate “le due Simone”? Simona Pari e Simona Torretta, rapite nel 2004 a Baghdad nella sede della Ong per cui lavoravano e rientrate a Fiumicino dopo cinque mesi e mezzo di prigionia. “Oche gulive” le definì un giornale (volutamente con l’articolo indeterminativo e la g minuscola!) commentando il desiderio delle due ragazze di ritornare alla loro vita normale precedente il rapimento. E Greta Ramelli e Vanessa Marzullo, le due ragazze italiane rapite in Siria più o meno dieci anni dopo, ve le ricordate? Ve le ricordate ancora Carola Rackete, Greta Thunberg, Laura Boldrini, da ultima Giovanna Botteri? Cosa hanno in comune queste donne? Probabilmente tante cose, probabilmente nulla, ma una è talmente evidente da non poter non essere notata: sono state tutte, senza pietà e senza rispetto, lapidate sul web. Perché verrebbe da chiedersi? E la risposta che sono riuscita a darmi è solamente una: perché sono donne indipendenti, nel senso più vero ed intimo della parola. An

Franca Rame, Lo stupro

C’è una radio che suona… ma solo dopo un po’ la sento. Solo dopo un po’ mi rendo conto che c’è qualcuno che canta. Sì, è una radio. Musica leggera: cielo stelle cuore amore… amore… Ho un ginocchio, uno solo, piantato nella schiena… come se chi mi sta dietro tenesse l’altro appoggiato per terra… con le mani tiene le mie, forte, girandomele all’incontrario. La sinistra in particolare. Non so perché, mi ritrovo a pensare che forse è mancino. Non sto capendo niente di quello che mi sta capitando. Ho lo sgomento addosso di chi sta per perdere il cervello, la voce… la parola. Prendo coscienza delle cose, con incredibile lentezza… Dio che confusione! Come sono salita su questo camioncino? Ho alzato le gambe io, una dopo l’altra dietro la loro spinta o mi hanno caricata loro, sollevandomi di peso? Non lo so. È il cuore, che mi sbatte così forte contro le costole, ad impedirmi di ragionare… è il male alla mano sinistra, che sta diventando davvero insopportabile. Perché me l

Pillole di storia - La CGdL nell’età giolittiana (1906-1914)

Per tutta la durata dell’età liberale e fino al fascismo, la direzione confederale fu saldamente nelle mani dei riformisti.  Lo scontro con la minoranza si mantenne acceso fino a giungere alla spaccatura del 1912, quando i sindacalisti rivoluzionari decisero la costituzione al Congresso di Modena dell’Unione Sindacale Italiana (USI). Il programma confederale, confermato nei successivi Congressi nazionali di Modena, Padova e Mantova (tenuti rispettivamente nel 1908, 1911 e 1914), puntava al miglioramento graduale delle condizioni di vita de lle classi lavoratrici italiane; in questa direzione andava anche l’accordo siglato all'inizio del 1907 tra CGdL, Federazione delle Società di Mutuo Soccorso e Lega Nazionale delle Cooperative (la cosiddetta “Triplice Economica”). Gli strumenti principali individuati per la realizzazione del programma confederale furono due: lo sviluppo della legislazione sociale e la diffusione della contrattazione collettiva. Su quest’ultimo versante