Passa ai contenuti principali

La formazione sindacale in Archivio

Di formazione sindacale si parla nelle riunioni di Segreteria dell’11 febbraio 1967, 16 dicembre 1971, 27 ottobre, 12 e 19 dicembre 1972, 6 marzo, 4 giugno, 26 settembre e 29 novembre 1973, 7 novembre 1974, 5 marzo e 4 giugno 1975, i cui verbali sono consultabili on line in file digitalizzato allegato alla scheda documento.
A partire dal 1957 la Sottoclasse 02 della Classe 0 della Serie Atti e corrispondenza della Segreteria generale è dedicata agli “Organi e uffici periferici, Camere del lavoro, federazioni, ecc., Quadri e scuole sindacali”.
Con il titolario del 1967 la medesima classe risulta intestata a “Quadri, scuole e formazione sindacale”.
Dal 1957 al 1966 risultano 17 fascicoli dedicati alla formazione sindacale. Il loro numero sale a 57 dal 1967 al 1986.
197 in totale sono le circolari confederali aventi ad oggetto la formazione sindacale.
La serie circolari offre nello specifico un interessante quadro dell’organizzazione confederale ed evidenzia momenti rilevanti della sua evoluzione. Si tratta di lettere circolari ciclostilate, raccolte e rilegate in volumi, inviate, a seconda dei casi, agli uffici confederali centrali, alle sedi periferiche e a sindacati e federazioni di categoria. La funzione è quella tipica di questa specifica tipologia documentaria e in particolare prevalgono gli aspetti organizzativi, amministrativi e propagandistici: intensa è l’attività legata all’organizzazione e gestione della raccolta fondi su iniziative particolari o durante la campagna di tesseramento annuale; sempre maggiore rilevanza assumono, nel corso degli anni, le iniziative volte alla definizione e regolamentazione dei rapporti organizzativi e amministrativi con federazioni e sindacati di categoria aderenti alla Confederazione; infine largo spazio è dedicato alla promozione e organizzazione di manifestazioni, eventi e iniziative diverse nell’ambito sindacale. Emerge con evidenza la lenta ma progressiva specializzazione delle competenze amministrative e politiche dei singoli organi e l’attività di controllo da parte della direzione politica sull’operato degli uffici confederali. La rilevanza della serie è apprezzabile sia dal punto di vista contenutistico che formale attraverso l’analisi di alcuni elementi registrati in fase di schedatura quali l’indicazione dell’ufficio emanante e di quello firmatario e dei destinatari.
La documentazione, organizzata in ordine cronologico, descritta in dettaglio e corredata da indici di ricerca che ne favoriscono la documentazione è interamente consultabile on line in file digitalizzato allegato alla scheda documento.
Dal 1948 al 1991 si tengono, a livello nazionale e/o territoriale, importanti convegni e riunioni sulla formazione sindacale di cui l’Archivio CGIL conserva atti e materiali. Segnaliamo tra gli altri: ‘Convegno sulla formazione sindacale’, Ariccia 8-9 marzo 1968; ‘Convegno nazionale sulla politica di promozione dei quadri e formazione sindacale’, Ariccia 2-3 aprile 1970; ‘Convegno su Processo unitario e formazione sindacale’, Ariccia 11-12 marzo 1975; ‘Convegno sulla politica dei quadri e formazione sindacale’, Ariccia 9-10 novembre 1978 (atti anche a stampa); ‘Convegno nazionale sulla formazione’, Ariccia 3-5 ottobre 1984; ‘Corso di formazione sindacale per dirigenti stranieri’, Ariccia, 23-24 aprile 1991.
Infine l’Archivio storico CGIL nazionale conserva, in corso di riordinamento, l’Archivio del Centro studi e formazione sindacale di Ariccia.
Circa 1500 fascicoli conservati in 500 buste attestanti le attività del Centro di formazione sindacale dalla nascita allo scioglimento.
La documentazione è costituita nella maggioranza dei casi da materiale relativo ai corsi di formazione raccolto, appunto, nella serie ‘Corsi’ i cui fascicoli sono costituiti generalmente da: schede individuali di partecipazione, elenco dei partecipanti e programma del corso. A questi documenti spesso è associato il materiale didattico: pubblicazioni periodiche, stralci di monografie o di articoli, interventi di segretari e dirigenti sindacali, relazioni, appunti, schemi.
In Biblioteca sono a disposizione degli utenti volumi, monografie e periodici sulla formazione sindacale dagli anni Cinquanta ad oggi. A seguire alcuni dati generali.
Nel 1954 esce la prima dispensa della «Collana di brevi corsi», curata dall’Ufficio organizzazione confederale.
A partire dagli anni Sessanta il materiale didattico viene raggruppato in due collane: «Brevi corsi sindacali» (9 titoli tra il 1966 e il 1969) e «Formazione sindacale» (3 titoli tra il 1967 e il 1968).
Nello specifico:
«Brevi corsi sindacali»La programmazione economica (a cura di C. Pontacolone e B. Roscani, 1967); La contrattazione collettiva (giugno 1967); GGIL e Politica agraria (a cura di S. Moretti e B. Roscani, ottobre 1967); I piani di zona in agricoltura (a cura di S. Moretti e B. Roscani, marzo 1968); Sindacato, contrattazione e società (febbraio 1969); Lavoratori e ordinamento giuridico (a cura di M. Vais); Diritti sindacali e potere contrattualeGestione sindacale del collocamento e dell’accertamento previdenziale in agricolturaPer una gestione democratica del collocamento e della previdenza in agricoltura (a cura della Federbraccianti).
«Formazione sindacale»Organizzazione del lavoro nelle imprese (a cura di C. Pontacolone); Tempi e cottimi (a cura di C. Pontacolone e A. Di Gioia); L’ambiente di lavoro (a cura di G. Marri e I. Oddone).
A partire dall’estate 1971 (fino al 1974) si decide la realizzazione di una nuova pubblicazione periodica dalla titolazione evocativa «Formazione sindacale permanente».
Nel 1973 la CGIL inaugura una nuova serie di pubblicazioni dal titolo «Formazione sindacale materiali», che sostituisce la Collana di «Formazione sindacale» e la «Collana di brevi corsi».
Negli anni Ottanta vede la luce il «Bollettino CGIL» della Sezione Formazione. Dopo essere uscito poche settimane prima del Congresso del 1986, il Bollettino, che informava dell’andamento dei corsi nazionali e locali, riappare quasi tre anni dopo, nel dicembre 1988.
Sempre nel 1988 viene dato alle stampe il volume Formazione alla formazione, progetto diretto da S. Meghnagi, Centro studi e formazione Sindacale CGIL – Istituto di ricerche economiche e sociali, Ediesse, Roma 1988. Il cofanetto conteneva i seguenti sette volumi: P. Cerretti, B. Roscani, La formazione sindacale come risorsa dell’organizzazione; S. Meghnagi, Educazione degli adulti, qualificazione professionale, formazione sindacale; B. Maggi, Formazione e organizzazione; A.M. Ajello, Trasmissione ed elaborazione delle conoscenze; R. Ghiaroni, La programmazione curricolare; M. Depolo, Strategie e metodi nella gestione didattica; M. Lichtner, La valutazione delle azioni formative.
Ilaria Romeo

Commenti

Post popolari in questo blog

PERSONE IN GABBIA. LA TRISTE STORIA DEGLI ZOO UMANI - di Ilaria Romeo

Gli zoo umani, detti anche esposizioni etnografiche, non sono una leggenda. Sono esistiti veramente per più di 50 anni, sostanzialmente fino al secondo conflitto mondiale.
Uno dei primi zoo conosciuti nell’emisfero occidentale è quello di Montezuma in Messico, che oltre ad una vasta collezione di animali mostrava anche umani come nani, albini e gobbi. Nel XVI secolo, il cardinale Ippolito dé Medici possedeva una collezione di persone di diverse razze e animali esotici, disponendo di un gruppo di ‘barbari’, di oltre venti lingue diverse. 
Gli zoo umani divengono tuttavia famosi solo verso il 1870, nel pieno del nuovo imperialismo.
Negli anni Settanta del diciannovesimo secolo, in Germania, Karl Hagenbeck, un mercante di animali selvatici, ha l’idea di esporre nel proprio giardino zoologico (lo zoo di Amburgo, la sua città, porta ancora il suo nome) persone provenienti dalle colonie più remote.
L’idea si rivela un successo, tanto che Hagenbeck decide di trasformare le mostre da stabili ad i…

Franca Rame, Lo stupro

C’è una radio che suona… ma solo dopo un po’ la sento. Solo dopo un po’ mi rendo conto che c’è qualcuno che canta. Sì, è una radio. Musica leggera: cielo stelle cuore amore… amore…
Ho un ginocchio, uno solo, piantato nella schiena… come se chi mi sta dietro tenesse l’altro appoggiato per terra… con le mani tiene le mie, forte, girandomele all’incontrario. La sinistra in particolare.
Non so perché, mi ritrovo a pensare che forse è mancino. Non sto capendo niente di quello che mi sta capitando.
Ho lo sgomento addosso di chi sta per perdere il cervello, la voce… la parola. Prendo coscienza delle cose, con incredibile lentezza… Dio che confusione! Come sono salita su questo camioncino? Ho alzato le gambe io, una dopo l’altra dietro la loro spinta o mi hanno caricata loro, sollevandomi di peso?
Non lo so.
È il cuore, che mi sbatte così forte contro le costole, ad impedirmi di ragionare… è il male alla mano sinistra, che sta diventando davvero insopportabile. Perché me la storcono tanto? Io non …

10 cose che non avremmo voluto sapere su Indro Montanelli - di Ilaria Romeo

1. “Faticai molto a superare il suo odore dovuto al sego di capra di cui erano intrisi i suoi capelli - dice a proposito della sua piccola ‘sposa’ Destà nel 2000 - e ancor di più a stabilire con lei un rapporto sessuale perché era fin dalla nascita infibulata: il che, oltre a opporre ai miei desideri una barriera pressoché insormontabile (ci volle, per demolirla, il brutale intervento della madre), la rendeva del tutto insensibile”.
2. “Non si sarà mai dei dominatori, se non avremo la coscienza esatta di una nostra fatale superiorità. Coi negri non si fraternizza. Non si può, non si deve. Almeno finché non si sia data loro una civiltà. […] Questa guerra è per noi come una bella lunga vacanza dataci dal Gran Babbo (Mussolini ndr) in premio di tredici anni di scuola. E, detto fra noi, era ora. Nessuno di noi si augura che la guerra finisca, abbiamo un solo desiderio: continuare!”, scrive sulla Civiltà Fascista, nel 1936 (la guerra di Montanelli durerà solo fino a dicembre: ferito sarà co…